Area Abbonati
LoginPassword
DOI 10.1704/2843.28710 Scarica il PDF (219,6 kb)
Boll SIFO 2017;63(6):246-249



Relazioni finali ECM

Prescrivibilità dei farmaci: norme ed uniformità di applicazione

Aci Castello (CT) 13 Gennaio 2017
ID ECM: 313-179598

Il giorno 13 gennaio a Catania si è svolto, presso l’hotel Baia Verde, il corso di aggiornamento, autofinanziato con i fondi della Segreteria Regionale Sifo, sulla prescrivibilità dei farmaci.

Sono state illustrate dai relatori le normative che regolano le innumerevoli condizioni prescrittive e che spesso possono determinare criticità tra medico e paziente.

Il corso è stato aperto da un’intervista dibattito tra il Direttore Generale dell’ASP di Messina ed il Direttore del Dipartimento del Farmaco dell’ASP di Catania in merito alla sfida dell’innovazione e della sostenibilità.

Sono state esposte le normative nazionali e le disposizioni regionali relative all’uso dei farmaci al di fuori delle indicazioni previste in scheda tecnica, e cioè in uso “off-label”. Utilizzo consentito solo in particolari condizioni, a carico dell’assistito o del SSN a seconda delle situazioni, dei casi clinici.

È stata illustrata la normativa relativa alle prescrizioni dei farmaci ai sensi della L. 648/96 e le sue applicazioni pratiche, le note AIFA che stabiliscono la rimborsabilità solo per specifiche indicazioni per alcuni farmaci classificati in fascia A, per patologie croniche.

È stato affrontato il tema dei farmaci in PHT, cioè della continuità ospedale – territorio e le loro modalità distributive (distribuzione diretta o distribuzione per conto).

Si è parlato di File F cioè della modalità di compensazione finanziaria interregionale applicata ai farmaci somministrati in regime di assistenza diversa dal ricovero (somministrazione dirette) e di File T relativo alla somministrazione dei farmaci antiblastici da parte delle strutture sanitarie autorizzate.

La giornata si è conclusa con la discussione di prescrizioni relative a casi clinici che si prestano a dubbia interpretazione allo scopo, considerata anche la presenza delle competenti autorità regionali, di trovare delle soluzioni condivise che possano rimanere quali come termini di riferimento.

Maria Anna D’Agata

Modelli Organizzativi Appropriati per la Gestione
della Cronicità nell’ambito dell’Ipercolesterolemia
con i nuovi Anticorpi Monoclonali Anti PCSK9

Ancona 21 Aprile 2017
ID ECM: 313-187254

Il corso si è svolto in un clima di ampia partecipazione e di notevole interesse per il tema trattato inerente ad una classe innovativa di farmaci (anticorpi monoclonali anti PCSK9 per il trattamento dell’ipercolesterolemia) con un importante impatto clinico e economico per la Regione Marche. Il corso ha pienamente raggiunto gli obiettivi prefissati, cioè analizzare le evidenze di efficacia e di sicurezza di questa nuova classe di medicinali e di individuare le caratteristiche dei pazienti candidabili e dei centri prescrittori regionali attraverso una discussione condivisa fra i discenti e i relatori. La tavola rotonda conclusiva, molto apprezzata e partecipata, è stato un momento di confronto multidisciplinare fra gli specialisti Cardiologi e Medici di Medicina Interna, il rappresentante dei Medici di Medicina Generale, i Farmacisti e i Rappresentanti degli Enti (Agenzia Sanitaria Regionale Marche e Azienda Sanitaria Unica Regionale Marche). La buona riuscita del corso è confermata dalle valutazioni dei discenti che hanno giudicato all’unanimità “molto rilevante” sia gli argomenti trattati sia la qualità educativa del programma.

Il Responsabile Scientifico del corso e il dirigente farmacista dell’Assistenza Farmaceutica dell’ARS Marche si impegnano a elaborare un documento condiviso con i clinici, i farmacisti ospedalieri e gli Enti per uniformare le modalità operative di gestione degli anti PCSK9 al fine di garantire un accesso equo a questa classe di medicinali e nello stesso tempo la sostenibilità economica del SSR.

Loredana Scoccia

La sostenibilità futura del servizio sanitario:
possibili strategie e sinergie

Firenze 31 Marzo 2017
ID ECM: 313-182625

I relatori ha fornito quello che sarà lo scenario dei prossimi due/tre anni in termini di novità terapeutiche, dal punto di vista dei nuovi principi attivi in via di approvazione e dei biosimilari nell’ambito onco-ematologico. Approfondendo questo scenario sono stati affrontati i temi legati alla sostenibilità attraverso un confronto tra tutti gli stakeholders, valutando quali degli strumenti attuali di governance della spesa farmaceutica sarà utile mantenere e quali nuovi strumenti dovranno essere individuati ed introdotti per mantenere il Sistema Sanitario sostenibile, equo ed efficace, rendendolo al contempo volano per innovazione, opportunità e sviluppo per il Paese.

Il corso era basato su l’interesse delle relazioni per farmacisti e medici, la qualità delle relazioni, l’interdisciplinarità dei relatori, la natura degli argomenti trattati. Obiettivi pienamente raggiunti. Si rileva che rispetto ai 30 farmacisti e 10 medici (totale 40 discenti), hanno partecipato effettivamente 22 farmacisti (73,3% dei farmacisti previsti), nonostante il patrocinio di AIOM e SIE. Il giudizio prevalente dei discenti va da 3 a 5.

Barbara Meini

Il valore dell’innovazione: dalla valutazione alla gestione
delle criticità

Catanzaro 20 Giugno 2017
ID ECM: 313-195284

In data 20.6.17 si è tenuto, presso l’Università degli Studi di Catanzaro, l’evento formativo “Il valore dell’innovazione: dalla valutazione alla gestione delle criticità”, cod. evento 313-195284, che si inserisce nell’ obiettivo di riferimento nazionale n. 11 - Management Sanitario. Innovazione Gestionale e sperimentazione di modelli organizzativi e gestionali.

L’evento ha visto la partecipazione di n. 19 farmacisti delle strutture ospedaliere e territoriali della Calabria e degli Specializzandi in Farmacia Ospedaliera della SSFO di Catanzaro, e voleva essere l’occasione di un confronto costruttivo tra i vari attori (farmacisti, clinici, amministratori) sull’impatto dell’innovazione, in particolare in Oncologia ed Infettivologia, nel S.S.R.

La giornata ha visto, dopo la presentazione dell’evento da parte dei responsabili scientifici, dott. F. Urso e dott.ssa B. Piro i saluti istituzionali della Prof.ssa Maria Tiziana Corasaniti e del Prof. Giovanbattista De Sarro, per l’Università “Magna Graecia” di Catanzaro.

A seguire, una lettura, dettagliata e strutturata, sul tema della Sostenibilità dell’Innovazione tenuta dal dott. Paolo Saccà, Consulente Regioni Piano di Rientro Agenas, che ha fatto da sfondo all’intera giornata.

Nella mattinata sono state analizzate alcune criticità dei processi e valutati i possibili interventi in tema di Oncologia, attraverso gli interventi a tutto tondo di oncologi, farmacisti), anatomo-patologi, infermieri, tutte figure professionali coinvolte nella gestione multidisciplinare del paziente, e contemporaneamente nella gestione delle risorse e nel loro impatto sulla Salute pubblica. Il confronto è stato su terapie innovative verso valutazioni diagnostiche, strumenti di governo clinico ed economico, impatto dell’organizzazione e gestione delle terapie.

Ugualmente nel pomeriggio l’ambito dell’infettivologia, con il particolare focus rispetto ai trattamenti dell’HCV, che offrono uno specifico livello di intervento nei diversi ambiti. La sessione si è sviluppata attraverso una ampia e discussa tavola rotonda multidisciplinare, sia per ambito professionale che per provenienza (clinici ospedalieri ed universitari, farmacisti, amministratori di diverse realtà della Regione), che ha rappresentato un ulteriore momento di scambio delle conoscenze e condivisione costruttiva delle criticità, specie organizzative. Nella moderazione e conduzione delle sessioni e della tavola rotonda sono stati coinvolti i clinici impegnati negli ambiti specificati insieme ai farmacisti facenti parte della segreteria regionale SIFO, dott.sse Giuseppina Scalise e Daniela Labate.

I partecipanti hanno mostrato grande interesse sulle tematiche trattate e sono stati coinvolti costantemente in un ampio dibattito, l’evento ha raggiunto gli obiettivi prefissati, come dimostrano i risultati dei test di apprendimento e gradimento. È stata apprezzata in particolare la multidisciplinarietà, oltre a chiarezza e concretezza, che ha permesso un confronto costruttivo e produttivo.

Filippo Urso, Brunella Piro

Esami Radiologici con mezzi di contrasto: gestione e prevenzione
del rischio clinico e buon uso delle risorse

Modena 24 Gennaio 2017
ID ECM: 313-177924

Il corso residenziale di aggiornamento, concepito per fornire ai farmacisti approfondimenti sostanziali sulle tematiche e problematiche comuni legate alla gestione dei mezzi di contrasto si è tenuto a Modena presso la sede universitaria dell’AOU Policlinico il 24.01.2017.

I mezzi di contrasto sono a tutti gli effetti farmaci, tuttavia non essendo sostanze terapeutiche raramente vengono trattati in testi, banche dati di farmacologia clinica a uso del medico o del farmacista specie in riferimento alle reazioni avverse e alle possibili interazioni.

La struttura del corso ha permesso in maniera peculiare un confronto, oltre che un approfondimento, tra clinici e farmacisti cercando di definire al meglio e condividere scelte e metodologie per la gestione dei mezzi di contrasto.

Il corso è stato seguito con estremo interesse dai discenti che hanno partecipato in modo proattivo in un confronto di estremo interesse : infatti dalla lettura delle “schede di valutazione dell’evento” è emerso questo aspetto che ne ha fatto, sotto il profilo della specificità, della qualità educativa e della rilevanza degli argomenti trattati un corso di aggiornamento che ha pienamente soddisfatto i partecipanti.

A tale proposito, la valutazione della prova di apprendimento finale ha permesso di apprezzare il raggiungimento degli obiettivi formativi prefissati lasciando spazio anche ad un ulteriore futuro approfondimento.

È stata valutata positivamente anche la qualità , professionalità e la preparazione dei professionisti coinvolti nell’evento formativo.

Mauro Mancini

Il paziente con sclerosi multipla:
dal sintomo all’erogazione del farmaco.
Il valore aggiunto dell’assistenza farmaceutica territoriale

Roma 5 Luglio 2017
ID ECM: 313-196163

Anche se l’evento è stato penalizzato nell’affluenza per la concomitanza di altri più istituzionali, è stato raggiunto con i presenti l’obiettivo formativo preposto che era un approfondimento non solo sulla clinica e terapia della sclerosi multipla alla luce dei nuovi farmaci, ma anche sulla condivisione delle migliori metodologie di erogazione. Infatti se in alcune realtà del Lazio è vincente la distribuzione a domicilio, vuoi per le dimensioni del territorio che per le difficoltà degli spostamenti da parte dei pazienti, in altre la distribuzione diretta rimane un aspetto vantaggioso di contatto con il paziente per informarlo e monitorare la terapia migliorando anche l’aderenza. Importante è stato anche il contributo dell’associazione dei malati che si presta a fornire supporto nel ritiro dei farmaci per conto dei pazienti in difficoltà sia da un punto di vista del peggioramento del loro stato di salute sia per impossibilità logistiche. Il lavoro di gruppo inoltre ha permesso di esplicitare tutte le informazioni utili da inviare al prescrittore una volta esaurito il piano terapeutico e se verrà condiviso un format potrà essere diffuso anche a livello regionale.

Giovanna Riccioni